» Vaccini in farmacia, siglato accordo quadro. Cossolo: “Importante riconoscimento per la categoria”
 

Vaccini in farmacia, siglato accordo quadro. Cossolo: “Importante riconoscimento per la categoria”

Con l’accordo quadro siglato tra Federfarma, Assofarm, Governo, Regioni e Province Autonome, le farmacie italiane si preparano a diventare centri di somministrazione dei vaccini anti-Covid, secondo quanto stabilito dal Dl Sostegni approvato il 19 marzo. Il documento definisce le regole del percorso formativo che abilita il farmacista alla vaccinazione, le misure logistiche necessarie per garantire la massima sicurezza ai cittadini e ai farmacisti, definendo le modalità operative della seduta vaccinale, dalla fase di prenotazione e accoglienza fino a quella di osservazione e gestione delle eventuali reazioni avverse post-somministrazione. “Si tratta di un importante riconoscimento all’impegno costante delle farmacie - commenta il presidente di Federfarma Marco Cossolo – che fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono rimaste sempre a disposizione dei cittadini, ampliando anche gli orari di apertura e potenziando la propria attività con nuovi servizi. Le farmacie aderiranno numerose anche a questa iniziativa – continua Cossolo - animate da quello spirito di servizio che da sempre le connota e che durante la pandemia è emerso con forza. Daranno così un contributo significativo al raggiungimento dell’obiettivo di ottenere al più presto una copertura vaccinale adeguata”.
L’ accordo quadro conferma il fondamentale ruolo svolto dalle farmacie italiane lungo tutto il corso dell’emergenza pandemica in atto. Ruolo già formalmente riconosciuto dal Governo nel Dl Sostegni che fa esplicito riferimento al “nuovo modello di farmacia come luogo dove la popolazione può trovare una prima risposta alle proprie domande di salute, un’azienda erogatrice di servizi da mettere a disposizione del pubblico”. Nel testo del decreto il governo ha dimostrato di voler investire in maniera strutturale su quelle che sono le principali peculiarità della farmacia: tempestività, resilienza, prossimità. Lo schema dell’accordo definisce gli aspetti tecnico-organizzativi per la somministrazione dei vaccini anti-Covid da parte dei farmacisti in farmacia. “Le attività di prenotazione e di esecuzione dei vaccini verranno eseguite, da parte delle farmacie, secondo i programmi di individuazione della popolazione target previamente definiti dalle autorità sanitarie competenti e seguendo i correlati criteri di priorità”, si legge nell’accordo.
Il presidente di Federfarma annuncia, poi, le prossime fasi per l’avvio concreto delle somministrazioni da parte dei farmacisti in farmacia dei vaccini anti Sars Cov-2: “L’accordo quadro, a carattere nazionale, verrà illustrato ai delegati dell’Assemblea nazionale di Federfarma giovedì 1° aprile. Dopo questo passaggio si potrà procedere al recepimento del protocollo a livello regionale, così da essere pronti alla somministrazione non appena saranno disponibili i vaccini destinati alle farmacie”.
“Quello che stiamo vivendo in questi giorni è il coronamento di un impegno avviato ben tre anni fa – ricorda il Presidente di Assofarm Venanzio Gizzi – è infatti dal 2018 che nelle Assemblee della nostra Federazione si parla del Farmacista Vaccinatore. Una figura che quindi oggi non vediamo solo come un importante contributo contro la crisi sanitaria di quest’ultimo anno, ma anche come il segno di una rinnovata considerazione della farmacia all’interno del SSN. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza la collaborazione delle Istituzioni che nel corso di questi mesi così difficili hanno sempre dimostrato apertura e interesse per le proposte presentate dalla farmacia italiana”.
 
 

fonte:

Federfarma

 
 

In evidenza

 
12 gennaio 2021

Vaccini covid, in Molise Farvima recapita ai punti vaccinali. Senza celle frigorifere

Sembrava che almeno con il primo vaccino, Comirnaty di Pfizer-BioNTech, la distribuzione farmaceutica italiana se ne sarebbe rimasta in disparte per le complicazioni legate alla conservazione delle fiale (stoccaggio in celle a -75° per non più di sei mesi, in borse isolanti con ghiaccio secco per massimo 10 giorni, in frigoriferi standard 2-8° per non più di cinque giorni).

Vaccini covid, in Molise Farvima recapita ai punti vaccinali. Senza celle frigorifere
 
14 dicembre 2020

COMUNICATO STAMPA: Fondamenta solide e un progetto per il futuro, SAFAR ABRUZZO SPA investe sulla salvaguardia della Farmacia

Il 7 dicembre, a Napoli, è stata perfezionata l’acquisizione del Ramo d’Azienda della Distribuzione di SAFAR COOPERATIVA da parte di FARVIMA MEDICINALI SPA, a coronamento di un piano industriale di salvataggio destinato a fare da “riferimento” per lungo tempo a livello nazionale.

COMUNICATO STAMPA: Fondamenta solide e un progetto per il futuro, SAFAR ABRUZZO SPA investe sulla salvaguardia della Farmacia
 
05 ottobre 2020

Rientro a scuola, influenze e Covid-19: il parere degli esperti su come affrontarli e su quali farmaci utilizzare in sicurezza

È Covid o influenza? Questo il timore più diffuso tra gli italiani con l’avvicinarsi della stagione influenzale. Nonostante i due virus siano diversi, i sintomi che caratterizzano l’influenza stagionale e il Sar-Cov-2 sono molto simili: febbre, tosse secca, vomito, diarrea.

Rientro a scuola, influenze e Covid-19: il parere degli esperti su come affrontarli e su quali farmaci utilizzare in sicurezza
 
05 ottobre 2020

CORONAVIRUS: OBBLIGO MASCHERINA ANCHE NEI LUOGHI ALL’APERTO

L’obbligo è esteso a tutto il territorio regionale e non riguarda i bambini al di sotto dei sei anni e i portatori di patologie incompatibili con l’uso della mascherina; l’obbligo non è, inoltre, previsto durante lo svolgimento di attività motoria e/o sportiva.

CORONAVIRUS: OBBLIGO MASCHERINA ANCHE NEI LUOGHI ALL’APERTO