» Ulcera lieve moderata, gli esperti: necessario aumentare aderenza terapia
 

Ulcera lieve moderata, gli esperti: necessario aumentare aderenza terapia

L'ulcera lieve moderata colpisce circa 150 mila persone in Italia, ma almeno il 40% dei pazienti non si attiene ai trattamenti prescritti determinando un aumento degli interventi di assistenza sanitaria, della morbilità e della mortalità. È quanto emerge dal convegno "The Choice dosaggi e aderenza nella cura della Cu lieve moderata" svoltosi a Milano.
L'evento, realizzato con il contributo non condizionante di Ferring S.p.A., ha visto la partecipazione di esperti nazionali, specialisti provenienti da tutta Italia, e rappresentanti dell'associazione Amici Onlus (Associazione nazionale per le malattie infiammatorie croniche dell'intestino). L'obiettivo è stato quello di condividere evidenze scientifiche ed esperienze cliniche relative al ruolo dell'aderenza terapeutica come strumento di cura, all'importanza dell'alleanza medico paziente finalizzata al raggiungimento dell'obiettivo clinico e della qualità della vita del malato.

«In Italia si stima che siano affette da malattie infiammatorie croniche intestinali in totale più di 250 mila persone - afferma il dott. Marco Daperno, segretario Italian Group for the study of Inflammatory Bowel Disease -. Oggi rispetto al passato la mortalità è scesa drasticamente raggiungendo l'1-2% circa. Non va in ogni caso trascurato come la colite ulcerosa abbia un risvolto pesante sulla quotidianità delle diverse tipologie di paziente».
La colite ulcerosa lieve moderata infatti, è una malattia invalidante che colpisce circa 150 mila persone in Italia. Per controllarla sono disponibili diversi farmaci tra i quali la mesalazina che rappresenta la terapia di prima linea secondo le più recenti linee guida della European Crohn's and Colitis Organisation (Ecco). L'aderenza alla terapia risulta però scarsa - almeno il 40% dei pazienti non si attiene alle indicazioni date dal medico curante -, e rappresenta la principale causa di non efficacia delle cure farmacologiche.
«È fondamentale riuscire ad intervenire tempestivamente con un trattamento in grado di controllare la malattia - sottolinea il prof. Paolo Gionchetti, dirigente medico presso la Struttura semplice dipartimentale per le Malattie infiammatorie croniche intestinali dell'Università di Bologna -. Le terapie farmacologiche possono dare risultati significativi solo se vengono assunte correttamente nei tempi, nelle dosi e nei modi indicati, per bloccare l'infiammazione ed evitare la comparsa di recidive. L'instaurarsi di una reale alleanza medico-paziente è un elemento cruciale nel processo di cura, soprattutto nei casi di patologie che richiedono approcci terapeutici long-term da assumere anche per il resto della vita».
 
 

fonte:

Farmacista 33

 
 

In evidenza

 
12 marzo 2020

Coronavirus: impegno della filiera farmaceutica per garantire produzione e distribuzione su tutto il territorio nazionale

Tutte le componenti della filiera farmaceutica, in questo momento di assoluta emergenza per il Paese, sono al fianco delle Istituzioni e vicine a chi è stato colpito dal Coronavirus.

Coronavirus: impegno della filiera farmaceutica per garantire produzione e distribuzione su tutto il territorio nazionale
 
12 marzo 2020

«Farmacie a battenti chiusi e mascherine», Federfarma sollecita il governo

In una nuova missiva firmata da Marco Cossolo, Federfarma sollecita il governo ad intervenire a protezione dell’operato dei farmacisti.

«Farmacie a battenti chiusi e mascherine», Federfarma sollecita il governo
 
12 marzo 2020

Coronavirus. Conte annuncia chiusura di quasi tutti negozi, restano aperti alimentari, farmacie e parafarmacie. Industrie e fabbriche aperte ma in sicurezza. Garantiti servizi di pubblica utilitą e trasporti. Nessuno stop per filiera alimentare. Domenico

Il presidente del Consiglio annuncia in diretta video le nuove misure che saranno adotatte in tutta Italia fino al prossimo 25 marzo. "Ci vorranno almeno due settimane per avere un primo riscontro degli effetti sulla crescita del contagio e quindi anche se i contagi dovessero continuare aumentare questo non significa che dovremo affrettarci a varare nuove misure". Aperti anche tabaccai ed edicole. Confermati divieti di spostamento tranne che per lavoro, fare la spesa e per necessità. Arcuri, amministratore di Invitalia, si coordinerà con la Protezione civile per accelerare potenziamento dei servizi sanitari.

Coronavirus. Conte annuncia chiusura di quasi tutti negozi, restano aperti alimentari, farmacie e parafarmacie. Industrie e fabbriche aperte ma in sicurezza. Garantiti servizi di pubblica utilitą e trasporti. Nessuno stop per filiera alimentare. Domenico
 
12 marzo 2020