» Super-caldo aumenta i parti prematuri, 5% nascite sopra i 32 gradi
 

Super-caldo aumenta i parti prematuri, 5% nascite sopra i 32 gradi

I cambiamenti climatici minano la salute in età neonatale: circa 25.000 neonati l'anno nascono prematuri come risultato dell'innalzamento delle temperature, con una perdita complessiva di oltre 150.000 giorni di gravidanza l'anno in Usa. Nei giorni in cui la massima supera i i 32 gradi le nascite aumentano del 5% rispetto ai numeri medi giornalieri. Sono i dati emersi da una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Climate Change: l'effetto dell'afa è immediato, infatti i parti aumentano in corrispondenza del giorno stesso dell'esposizione alle alte temperature, con casi di prematurità anche di 2 settimane.

La ricerca è stata condotta da Alan Barreca dell'Università della California a Los Angeles. Gli esperti hanno analizzato dati relativi a ben 56 milioni di nascite in 20 anni in diversi stati Usa ed hanno confrontato il numero di nascite giornaliere in giorni con diverse temperature, stimando che il tasso di nascite giornaliere aumenta del 5% nei giorni in cui la temperatura massima supera i 32,2 gradi centigradi, con una perdita media di 6,1 giorni di gravidanza, fino a un massimo di due settimane.

Gli esperti hanno concluso che, considerando i trend di aumento delle temperature attesi per i prossimi decenni a causa dei cambiamenti climatici, entro fine secolo ogni anno si perderanno 250 mila giorni di gravidanza in più a causa del caldo estremo.

 
 

fonte:

Ansa

 
 

In evidenza

 
12 dicembre 2019

FarmaLandscape: un’esperienza all’estero per i giovani farmacisti

n occasione dei suoi trent’anni di attività, la Federazione Nazionale Associazione Giovani Farmacisti lancia il programma FarmaLandscape: un’occasione per i giovani farmacisti italiani di fare esperienza in una farmacia europea....

FarmaLandscape: un’esperienza all’estero per i giovani farmacisti
 
12 dicembre 2019

Manovra. Sì a bonus per latte artificiale: fino a 400 euro l’anno per i primi 6 mesi alle mamme che non possono allattare

Via libera dalla Commissione Bilancio del Senato al bonus per il latte artificiale. Verrà riconosciuto alle mamme che non possono allattare un contributo fino a un massimo di 400 euro l'anno per neonato, fino al sesto mese di vita. È quanto prevede un emendamento M5S alla manovra approvato oggi pomeriggio.

Manovra. Sì a bonus per latte artificiale: fino a 400 euro l’anno per i primi 6 mesi alle mamme che non possono allattare
 
12 dicembre 2019

Detassazione indennità di residenza per farmacisti su isole minori, governo accoglie ODG Gemmato

Il Governo ha accolto, con parere favorevole, l’ordine del giorno al “DL fiscale” del deputato di Fratelli d’Italia, Marcello Gemmato, in materia di detassazione dell’indennità di residenza dei farmacisti sulle isole minori.

Detassazione indennità di residenza per farmacisti su isole minori, governo accoglie ODG Gemmato