» Ricetta elettronica veterinaria, Fofi e Fnovi richiamano farmacisti e medici veterinari
 

Ricetta elettronica veterinaria, Fofi e Fnovi richiamano farmacisti e medici veterinari

«Si invitano i presidenti degli Ordini provinciali a sensibilizzare gli iscritti all’Albo sulla necessità di attenersi scrupolosamente, all’atto della prescrizione, della dispensazione e della somministrazione, inclusa la corretta conservazione in allevamenti o impianti, nonché alle regole previste dalla nuova normativa in materia di prescrizione e tracciabilità dei medicinali veterinari». È quanto riportato dalla Federazione degli ordini dei farmacisti italiani (Fofi) e Federazione nazionale ordini veterinari italiani (Fnovi), in una nota diretta ai presidenti degli Ordini provinciali dei farmacisti e dei medici veterinari e dunque ai professionisti iscritti ai rispettivi albi. Nello specifico, le Federazioni «richiamano l’attenzione sull’importanza del rispetto da parte dei farmacisti e dei medici veterinari delle disposizioni in materia di prescrizione, dispensazione e tracciabilità dei medicinali veterinari, con particolare riguardo all’obbligatorietà della Rev».

Il documento (allegato in seguito), contenente diversi riferimenti alla normativa di riferimento, viene diramato a poco più di tre mesi dall’avvio della nuova modalità di prescrizione ed esitazione dei medicinali veterinari per animali di compagnia ma anche di quelli destinati al consumo alimentare o alla filiera produttiva. «La corretta gestione dei medicinali veterinari – evidenzia Andrea Mandelli, presidente della Fofi – è un elemento fondamentale per la tutela della salute animale ma anche umana, come correttamente sancito dalla politica del One Health approach sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità». Alla luce di ciò, evidenzia il dirigente, «è sufficiente considerare il tema dell’antibiotico-resistenza per cogliere l’importanza strategica di questa parte dell’attività del farmacista così come di tutti i professionisti della salute coinvolti». Sempre in tema di ricetta elettronica veterinaria, per favorire le dinamiche relative alla corretta applicazione della normativa, Federfarma aveva racchiuso in un documento le risposte alle domande più frequenti (Faq) sul tema della ricetta elettronica veterinaria.

 
 

fonte:

Farmaciavirtuale.it

 
 

In evidenza

 
29 luglio 2019

Epatite e curcuma, Ministero esclude contaminanti. Alert su soggetti a rischio epatico e biliare

Epatite e curcuma, alla luce delle ultime evidenze il Ministero esclude la presenza di contaminanti e prevede l'adozione di un'avvertenza sulle etichette

Epatite e curcuma, Ministero esclude contaminanti. Alert su soggetti a rischio epatico e biliare
 
29 luglio 2019

L’Oms boccia le sigarette elettroniche: “Non è vero che siano meno dannose rispetto ai prodotti convenzionali del tabacco”.

Questi prodotti "non sono privi di rischi e l'impatto a lungo termine sulla salute e sulla mortalità è ancora sconosciuto. Esistono prove indipendenti insufficienti per sostenere che l'uso di questi prodotti possa aiutare le persone a smettere di usare il tabacco convenzionale". Viene inoltre lanciato un allarme riguardo al "rischio che rappresentano per i non fumatori che iniziano a usarle, in particolare i giovani". L'Oms ha inoltre sollecitato un aumento dei servizi per chi intende smettere di fumare, osservando che ha la possibilità di accedervi "solo il 30% della popolazione mondiali".

L’Oms boccia le sigarette elettroniche: “Non è vero che siano meno dannose rispetto ai prodotti convenzionali del tabacco”.
 
29 luglio 2019

Italiani sempre più eco-sensibili, quali spazi per una farmacia “plastic free”

Il 53% degli italiani preferisce acquistare prodotti realizzati o imballati in plastica o carta riciclata. Il 48% riutilizza più volte gli articoli monouso, per ridurre l’emissione di plastica o rifiuti nell’ambiente. Il 41% afferma di avere smesso di acquistare beni con imballaggi in plastica non riciclata e il 24% dice di non tornare nei negozi che li impiegano in abbondanza.

Italiani sempre più eco-sensibili, quali spazi per una farmacia “plastic free”
 
29 luglio 2019

Da Pozzuoli a Londra, storia del neurochirurgo che ha preferito la Asl di Napoli al Queen's Hospital

Simona Buonamassa, originaria del Vomero, ha lavorato per 18 anni dei più prestigiosi ospedali della capitale britannica. Ora ha scelto di tornare in Campania

Da Pozzuoli a Londra, storia del neurochirurgo che ha preferito la Asl di Napoli al Queen's Hospital