» Molise, rinnovato l’accordo sulla dpc: compensi confermati e nuovi servizi in arrivo
 

Molise, rinnovato l’accordo sulla dpc: compensi confermati e nuovi servizi in arrivo

Risente delle difficoltà economiche che gravano sulla Sanità molisana ma difende i compensi delle farmacie e prospetta novità importanti in materia di servizi il nuovo accordo per la dpc che Regione e Federfarma hanno firmato poco prima delle festività natalizie. La negoziazione si è protratta per quasi 18 mesi (tanto da rendere necessarie tre successive proroghe dell’intesa precedente, datata aprile 2015) e le farmacie hanno dovuto fare i conti con le disposizioni del Piano di rientro regionale, che citava esplicitamente la distribuzione diretta tra gli interventi di contenimento della spesa, ma l’accordo finale viene comunque con soddisfazione da Federfarma Molise. «I farmaci con prezzo sotto i 25 euro che la vecchia intesa aveva passato in convenzionata tornano in dpc» spiega il presidente del sindacato titolari, Luigi Sauro «ma conserviamo compensi che rimangono tra i più alti in Italia e otteniamo l’impegno della Regione a sperimentare per un quadrimestre un pacchetto di servizi che – se i risultati saranno positivi – cominceranno a essere remunerati a partire dal quinto mese».

Per quanto concerne la remunerazione, l’accordo (che riguarda esclusivamente i farmaci del Pht) riconosce alle farmacie un fee di 5 euro a pezzo, che salgono a 7,10 per le farmacie con fatturato annuo Ssn tra i 300mila e i 450mila euro e 11,60 per gli esercizi con fatturato sotto i 300mila euro. Tutte le cifre comprendono iva e quota al distributore e scendono a 4,50 euro al pezzo al superamento delle 1.500 confezioni all’anno.

In tema di servizi, invece, l’accordo prevede il rafforzamento del Cup Pass (un euro iva inclusa per ogni prenotazione in farmacia, 50 centesimi per ogni variazione) conferma la distribuzione in farmacia dell’integrativa (dietetici e nefropatici) e dei vaccini ai mmg e infine promette di coinvolgere le farmacie nella presa in carico domiciliare e nell’attivazione del Fascicolo sanitario elettronico (Fse). «In sostanza» riassume Sauro «otteniamo la disponibilità della Regione ad applicare alcune delle attività previste dalla sperimentazione nazionale per la farmacia dei servizi. E se i risultati saranno incoraggianti, dal quinto mese scatteranno rimborso e remunerazione di tali prestazioni».

 
 

fonte:

F Press

 

In evidenza

 
12 marzo 2020

Coronavirus. Conte annuncia chiusura di quasi tutti negozi, restano aperti alimentari, farmacie e parafarmacie. Industrie e fabbriche aperte ma in sicurezza. Garantiti servizi di pubblica utilità e trasporti. Nessuno stop per filiera alimentare. Domenico

Il presidente del Consiglio annuncia in diretta video le nuove misure che saranno adotatte in tutta Italia fino al prossimo 25 marzo. "Ci vorranno almeno due settimane per avere un primo riscontro degli effetti sulla crescita del contagio e quindi anche se i contagi dovessero continuare aumentare questo non significa che dovremo affrettarci a varare nuove misure". Aperti anche tabaccai ed edicole. Confermati divieti di spostamento tranne che per lavoro, fare la spesa e per necessità. Arcuri, amministratore di Invitalia, si coordinerà con la Protezione civile per accelerare potenziamento dei servizi sanitari.

Coronavirus. Conte annuncia chiusura di quasi tutti negozi, restano aperti alimentari, farmacie e parafarmacie. Industrie e fabbriche aperte ma in sicurezza. Garantiti servizi di pubblica utilità e trasporti. Nessuno stop per filiera alimentare. Domenico
 
12 marzo 2020
12 marzo 2020

Coronavirus. Al Pascale prosegue con successo la terapia con tocilizumab. Medici chiedono un protocollo nazionale per regolamentarne uso

Da Napoli, una task force di esperti guidata da Paolo Ascierto chiede di estendere l’impiego del farmaco per uso off label nella polmonite da Covid-19. L’Istituto nazionale tumore Pascale in prima linea per il coordinamento dello studio clinico. Stabilito ponte della ricerca fra Italia e Cina

Coronavirus. Al Pascale prosegue con successo la terapia con tocilizumab. Medici chiedono un protocollo nazionale per regolamentarne uso
 
12 marzo 2020

Emergenza coronavirus e consegna farmaci a domicilio, iniziativa Croce Rossa Italiana in collaborazione con Federfarma

Croce Rossa Italiana in collaborazione con Federfarma ha attivato un servizio di consegna a domicilio dei farmaci, per far fronte all’aumento di richieste da parte dei cittadini che non possono muoversi da casa, tramite il numero verde 800 065510. (Qui il protocollo d'intesa).

Emergenza coronavirus e consegna farmaci a domicilio, iniziativa Croce Rossa Italiana in collaborazione con Federfarma