» In Italia 6 milioni di obesi, 15.000 ogni anno ricorrono al bisturi
 

In Italia 6 milioni di obesi, 15.000 ogni anno ricorrono al bisturi

ROMA - Il grasso in eccesso è uno dei più diffusi problemi di salute e in Italia riguarda oltre 16 milioni di persone in sovrappeso e 6 milioni di obesi. A fronte di questi numeri, i pazienti che fanno ricorso al bisturi sono circa 15 mila l'anno, e tutti concentrati nelle regioni del Nord. Numeri molto più bassi rispetto al resto d'Europa. A fare il punto oggi, a Roma, la quarta edizione del "Live Surgery Workshop in Chirurgia Bariatrica e Laparoscopica", promosso dalla "Obesity Unit" del Policlinico Tor Vergata. In Europa il sovrappeso è ritenuto responsabile di circa l'80% dei casi di diabete di tipo 2, del 55% dei casi di ipertensione arteriosa e del 35% dei casi di cardiopatie ischemiche. Il che si traduce ogni anno in almeno un milione di morti e 12 milioni di persone gravemente ammalate. A cambiare la storia della malattia è stato l'utilizzo delle tecniche chirurgiche laparoscopiche e mini-invasive, che hanno reso possibile una vera e propria rivoluzione bariatrica, diventata negli anni sempre più sicura.

 Ma il ricorso al bisturi nella lotta all'obesità resta però ancora limitato a circa 15mila pazienti ogni anno, circa lo stesso numero di interventi annui che si fanno nella assai meno popolosa Olanda. E molto lontani dalle 60 mila operazioni all'anno raggiunte dalla Francia o dalle 300 mila degli Stati Uniti. Inoltre si registra una "impressionante divisione geografica, che vede una schiacciante primazia degli interventi nelle Regioni del Nord, un incremento considerevole al Centro, uno scarso ricorso alla cura chirurgica nel Meridione", spiega Paolo Gentileschi, Responsabile dell'Unità Operativa di Chirurgia Bariatrica del Policlinico di Tor Vergata (Roma).
 
 

fonte:

Ansa Salute & Benessere

 
 

In evidenza

 
16 settembre 2019
16 settembre 2019

L'invulnerabile batterio di Atacama che ci aiuterà a combattere infezioni e cancro

Un team di ricercatori ha isolato da un microrganismo in grado di sopravvivere in situazioni climatiche estreme nel deserto del Cile molecole che potrebbero aiutarci a contrastare la diffusione di infezioni resistenti e tumori

L'invulnerabile batterio di Atacama che ci aiuterà a combattere infezioni e cancro
 
16 settembre 2019

Bere tè protegge il cervello dall’invecchiamento. Per la prima volta uno studio dimostra perché

L’abitudine di consumare tè almeno 4 volte a settimana per buona parte della vita funge da elisir di lunga vita per il cervello. A rivelarlo è uno studio che arriva da Singapore, che dimostra per la prima volta un effetto del tè sulle connessioni tra le diverse regioni cerebrali, in pratica sulle ‘autostrade’ dei flussi di informazioni che rimangono più fluide e performanti nei bevitori di tè.

Bere tè protegge il cervello dall’invecchiamento. Per la prima volta uno studio dimostra perché