» E-order, quale impatto su grossisti e farmacie? Dal Consorzio Dafne incontri sul territorio
 

E-order, quale impatto su grossisti e farmacie? Dal Consorzio Dafne incontri sul territorio

Entrerà in vigore il primo ottobre l'obbligo di emissione e trasmissione elettronica dell'ordine di acquisto di beni e servizi, attraverso il Nodo di smistamento degli Ordini (NSO), il sistema di gestione che opera presso il Ministero dell'Economia e delle finanze (Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato). Un obbligo che, in questa prima fase, riguarda le relazioni commerciali tra gli enti del servizio sanitario nazionale, i soggetti (anche privati) che ordinano per conto di tali enti, i loro fornitori e intermediari, ma sul tema c'è ancora poca consapevolezza. Proprio per sostenere la filiera, il Consorzio Dafne si è attivato organizzando un ciclo di appuntamenti sul territorio per spiegare la normativa, i soggetti interessati e gli eventuali passaggi da compiere per essere pronti. A fare il punto, Daniele Marazzi, Consigliere Delegato del Consorzio Dafne, che a F-Online spiega anche in che maniera e con che tempi la distribuzione intermedia e le farmacie potrebbero venire coinvolte.
«La Pubblica Amministrazione» spiega Marazzi «sta vivendo un momento di profonda trasformazione, volto a rendere più efficienti i propri processi grazie all'adozione di tecnologie digitali. L'obiettivo finale di questo percorso è quello di ottimizzare la spesa pubblica, grazie alla disponibilità di dati e informazioni aggiornate in real-time, e, all'interno di questo processo di innovazione, si collocano tutti i progetti di digitalizzazione del cosiddetto "ciclo dell'ordine". Tra questi, di grande impatto è stato l'obbligo di Fatturazione Elettronica verso la PA - in cui l'Italia si è dimostrata "pioniere" a livello Europeo - poi esteso a tutti».
Ma un ulteriore step è rappresentato dal «decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze, firmato il 7 dicembre 2018, che sancisce appunto, dal primo ottobre di quest'anno, l'obbligo di trasmissione elettronica dei documenti informatici attestanti l'ordinazione e l'esecuzione degli acquisti dei beni e servizi tra gli enti del Servizio sanitario nazionale - nonché i soggetti che effettuano acquisti per loro conto - e i fornitori».

Quali impatti per grossisti e farmacie? «Per ora non grandi, ma può capitare, soprattutto ai distributori intermedi, sia pure in misura minoritaria rispetto ai volumi relativi alle farmacie, di ricevere ordini dagli enti del Ssn. Indipendentemente dalle quantità, andranno veicolati attraverso il Nodo Centrale (NSO) che dialoga con le altre piattaforme della PA e per questo occorre farsi trovare pronti. Per quanto riguarda le farmacie, non si può escludere un impatto già dal primo ottobre e solo chi vive quotidianamente la propria farmacia può dire con certezza in che misura. Per questo, il nostro consiglio è che ogni titolare faccia mente locale su quali sono le proprie movimentazioni e si attrezzi di conseguenza. Il passaggio, va detto, non è particolarmente complicato, ma è necessario prepararsi in anticipo, anche nel caso in cui, appunto, gli ordini siano pochi».
Oltre a questo, «c'è poi una questione di prospettiva: è già insito nel decreto attuativo una estensione dell'eOrder alla Pa in senso generale, con ricadute che a quel punto saranno maggiori. Per altro, il parallelo con la fatturazione elettronica è utile e ci fa leggere la sanità pubblica come un punto di partenza: trattandosi di un processo di efficientamento, ci potrebbe essere, anche in tempi non eccessivamente lunghi, un allargamento potenziale al mondo sanità convenzionata - tra cui case cura, Rsa, ecc. - e ad altri settori».

Alla luce di questi cambiamenti, «proprio per supportare tutta la filiera, il Consorzio organizza una serie di incontri sul territorio, aperti al pubblico e gratuiti, in cui verrà presentato il progetto e gli impatti attesi, con sessioni di confronto tra i partecipanti volte a delineare la "to-do-list" delle azioni da compiere per Fornitori ed Enti Pubblici. La prima data utile è mercoledì 13 a Milano».

Il programma:
Gli incontri vedranno gli interventi di:
Daniele Marazzi, Consigliere Delegato Consorzio DAFNE
Claudio Rorato, Direttore Osservatorio FE & eCommerce B2B, Politecnico di Milano
Pietro Paolo Trimarchi, Dirigente Ministero dell'Economia e delle Finanze
Rappresentanti delle Autorità e Istituzioni Regionali.

Le date:
MILANO
13 giugno
L'incontro si terrà dalle 10.00 alle 12.30 presso l'Auditorium di Assolombarda, in via Pantano 9 - 20122 Milano.

NAPOLI
17 giugno
L'incontro si terrà dalle 15.00 alle 17.30 presso l'Auditorium di Regione Campania, in Viale della Costituzione - 80143 Napoli.

ROMA
24 giugno
L'incontro si terrà dalle 10.00 alle 12.30 presso la Sala Tirreno di Regione Lazio, in Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7.

BOLOGNA
4 luglio
L'incontro si terrà dalle 10.00 alle 12.30; a breve saranno disponibili ulteriori dettagli.

L'iniziativa, realizzata con il contributo non condizionante di Bayer, Boehringer Ingelheim e Janssen, è patrocinata da AgID, Assogenerici, FARE, Farmindustria, FIASO e SIFO e vede la collaborazione di ACMI, ADF, ASCOFARVE, ASSORAM, AssoSoftware, ConfCooperative Sanità, Credit Management, Federfarma Servizi e la partecipazione di Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano.
 
 

fonte:

F-Online

 

In evidenza

 
16 settembre 2019
16 settembre 2019

L'invulnerabile batterio di Atacama che ci aiuterà a combattere infezioni e cancro

Un team di ricercatori ha isolato da un microrganismo in grado di sopravvivere in situazioni climatiche estreme nel deserto del Cile molecole che potrebbero aiutarci a contrastare la diffusione di infezioni resistenti e tumori

L'invulnerabile batterio di Atacama che ci aiuterà a combattere infezioni e cancro
 
16 settembre 2019

Bere tè protegge il cervello dall’invecchiamento. Per la prima volta uno studio dimostra perché

L’abitudine di consumare tè almeno 4 volte a settimana per buona parte della vita funge da elisir di lunga vita per il cervello. A rivelarlo è uno studio che arriva da Singapore, che dimostra per la prima volta un effetto del tè sulle connessioni tra le diverse regioni cerebrali, in pratica sulle ‘autostrade’ dei flussi di informazioni che rimangono più fluide e performanti nei bevitori di tè.

Bere tè protegge il cervello dall’invecchiamento. Per la prima volta uno studio dimostra perché