» Farmaci: 36% pagine Wikipedia non aggiornato su sicurezza
 

Farmaci: 36% pagine Wikipedia non aggiornato su sicurezza

Quando si cercano informazioni sui farmaci su web tra i primi risultati c'è sempre una pagina di Wikipedia, ma in un terzo dei casi le informazioni contenute non sono aggiornate. Lo ha scoperto uno studio della Harvard Medical School pubblicato dal New England Journal of Medicine. Ogni mese 500 milioni di persone consulta le pagine dell'enciclopedia on line, sottolineano gli autori, e questo fa di Wikipedia potenzialmente il principale sito di salute al mondo. Per verificare la correttezza delle informazioni sono stati selezionati 22 farmaci per diverse patologie, dalla pressione alta all'epatite C, su cui l'Fda aveva pubblicato degli allarmi sulla sicurezza tra il 2011 e il 2012. Le pagine relative ai farmaci sono state esaminati 60 giorni prima e per 60 giorni dopo la pubblicazione del "warning", periodo nel quale ci sono state 15 milioni di ricerche su Google e 5 milioni di visite a Wikipedia sulle molecole in questione. «In media il 41% delle pagine di Wikipedia è stato aggiornato entro due settimane dall'allarme - spiega John Seeger, l'autore principale - quasi un quarto (il 23%) ha dovuto attendere più di due settimane per l'update e più di un terzo, il 36%, non era aggiornata un anno dopo la pubblicazione del "warning". Da questo punto di vista non tutti i farmaci sono uguali, con quelli più comuni che hanno una probabilità maggiore di avere un aggiornamento in tempi rapidi».
 
 

fonte:

Ansa

 
 

In evidenza

 
06 novembre 2018

Convegno 2018-11-14 Direttiva 2011_62_EU, opportunitą per la filiera

«L'approccio che ritengo più corretto punta a vedere la “serializzazione” come un'opportunità per ripensare le relazioni fra gli attori della filiera farmaceutica e per rendere ancora più sicura la fornitura di medicinali, più che come un'ulteriore vessazione normativa che si aggiunge alla complessità degli scambi commerciali»

Convegno 2018-11-14 Direttiva 2011_62_EU, opportunitą per la filiera
 
08 giugno 2018

Il cross Selling: come organizzare la vendita aggiuntiva in farmacia

La vendita aggiuntiva, o Cross Selling che dir si voglia, è una costante nella vita quotidiana, almeno per chi usa Amazon.
Basta andare su noto sito di commercio elettronico e fare una ricerca di un qualsiasi prodotto perché il sistema, oltre a mostrarci il prezzo e la data di consegna del bene richiesto, ci proponga altri prodotti affini a quello cercato. Ossia Amazon, in base alla nostra richiesta è in grado di inquadrarci e proporci un ventaglio di prodotti complementari alla domanda avanzata.

Da sempre il buon venditore, dopo aver analizzato il potenziale cliente, ed averne compreso le esigenze, spesso inespresse e latenti, è in grado di consigliare dei prodotti aggiuntivi a quello richiesto.

Il cross Selling: come organizzare la vendita aggiuntiva in farmacia
 
08 giugno 2018

Le aritmie cardiache

Quando si parla di aritmia cardiaca si fa riferimento al battito del cuore irregolare, il quale è o troppo veloce o troppo lento. Non tutte le aritmie cardiache sono pericolose o rischiose per l’incolumità di chi ne soffre. Data la grande varietà delle aritmie, anche i sintomi possono variare molto da soggetto a soggetto.

Le aritmie cardiache
 
08 giugno 2018

Cossolo: DDL concorrenza, non impoveriamo le Farmacie pił fragili.

“Le farmacie poli determinanti sul territorio per la tutela della salute, promuovendo una prevenzione primaria determinante in termini di minori malattie e interventi tempestivi, quindi meno costosi per il Servizio sanitario nazionale e meno invasivi per il cittadino”: lo afferma Marco Cossolo, presidente di Federfarma.

Cossolo: DDL cincorrenza, non impoveriamo le Farmacie pił fragili.