» La storia degli integratori Accento Salute
 

La storia degli integratori Accento Salute

La storia degli integratori Accento Salute ha luogo a Padova, terra di scienziati dalle mille anime tra le quali si esprime il connubio aureo tra città e università. Tra i profumi dell’audacia e intraprendenza, che ormai è intrinseca nella terra padovana, c’era una volta un Medico e Professore Universitario, il Prof. Francesco Francini, amante della natura e della fitoterapia, specializzato in scienza dell’alimentazione e della dietetica. Il Professore quotidianamente trasmetteva il suo sapere e la sua passione ai suoi studenti, durante i suoi corsi, in ospedale ma soprattutto nelle formule delle sue composizioni fitoterapiche.  L’equilibrio ricercato dal Professore tra gli ingredienti delle sue composizioni era garantito da tre parole chiavi: innovazione, sicurezza ed efficacia.
Il suo costante punto di partenza? Lo studio e l’aggiornamento scientifico per individuare soluzioni finalizzate al trattamento e la cura dei disturbi e patologie più diffuse.  
Il Professore durante il suo cammino, verso un traguardo che si colora di ambizione per il raggiungimento di uno standard qualitativo non ancora presente nel campo degli integratori, non sapeva che avrebbe realizzato la sosta più decisiva: l’incontro con il Farmacista che determinerà la vittoria.
La sfida del Dottor Francini, infatti, aveva come antagonista principale l’incapacità di trovare in commercio preparazioni fitoterapiche che si differenziassero per qualità e quantità degli estratti; un nemico sconfitto grazie al ritrovo con un Farmacista, specializzato in preparazioni galeniche a base fitoterapica.
Due esperienze che si incrociano e saperi che si fondono per un puzzle che si dipinge di verde: il clinico, esperto di patologie, che necessita di prodotti che rispettassero determinate caratteristiche, e il preparatore, il Farmacista, selezionatore ed esperto di materie prime, che da vita alle sue formule.
Un’alleanza di competenze, un confronto tra due professionisti che ha determinato la storia di un’azienda, la Frama.   E da quell’incontro tra medico e farmacista, nulla è cambiato: in Frama si utilizzano solo estratti selezionati e con principi attivi altamente concentrati, sottoponendo tutte le fasi di produzione a rigorosi controlli, delle materie prime al prodotto finito.
Oggi la famiglia si è allargata ed è ormai dal 2008 che la Frama realizza formulazioni fitoterapiche di elevata qualità ed efficacia tra cui la linea di integratori Accento Salute di casa Farmà, grazie a un’equipe di medici e farmacisti coordinata dal Prof. Francesco Francini; prodotti che incorporano i valori di qualità e rispetto dell’ambiente finalizzati ad arricchire la comune dieta.

Due parole con il creatore della composizione, il Dottor Francesco Francini..

Lei Dottore lavora in ospedale. Quanto questa esperienza impatta sull’efficacia dei prodotti creati?
Si, laureato in Medicina e Chirurgia, da anni lavoro come Dirigente medico presso l’azienda ospedaliera di Padova nell’ambito della nutrizione clinica.  L’attività in Ospedale per me rappresenta un’ispirazione continua: le patologie che affronto e i conseguenti consigli alimentari che dispenso confermano l’evidenza scientifica delle composizioni fitoterapiche che creo.

Dottore, Lei quotidianamente trasmette il suo sapere sulla materia fitoterapica anche in ambito Universitario.  Ce ne parli..
Si, sono docente presso l’Università di Padova e tengo lezioni sugli Integratori Alimentari e Prodotti Fitoterapici nell’ambito dei corsi di specializzazione In Dietistica.
L’esperienza di docente mi permette di avere stimoli continui grazie all’entusiasmo che mi trasmettono i miei studenti per questa materia.

Quale consiglio prezioso dispenserebbe a un giovane studente di Farmacia?
Di non smettere mai di studiare e aggiornarsi perché e solo con il sudore delle studio e della conoscenza che si possono ottenere risultati.

 
 
 
 

In evidenza

 
30 settembre 2019

Telemedicina, Cassazione conferma che non serve l’autorizzazione sanitaria

L’esercizio che eroga prestazioni di telemedicina in collegamento con un centro diagnostico regolarmente autorizzato non ha bisogno dei permessi richiesti alle strutture che effettuano attività sanitaria.

Telemedicina, Cassazione conferma che non serve l’autorizzazione sanitaria
 
30 settembre 2019

Ordini elettronici, confermata la proroga per l’entrata in vigore del sistema Nso

Federfarma è in grado di confermare, come peraltro riportato dallo stesso sito del MEF, che l’entrata in vigore del sistema relativo all'emissione e trasmissione elettronica dell'ordine di acquisto di beni e servizi attraverso il Nodo di smistamento degli Ordini (Nso)

Ordini elettronici, confermata la proroga per l’entrata in vigore del sistema Nso