» Il ministero della Salute: farmaci da alcol-dipendenze, un milione la spesa in farmacia
 

Il ministero della Salute: farmaci da alcol-dipendenze, un milione la spesa in farmacia

Sfiorano i due milioni di ddd (dose definita die, cioè «l’unità giornaliera di farmaco necessaria al mantenimento della terapia nella sua indicazione principale», secondo la definizione dell’Oms) i farmaci per il trattamento della dipendenza alcoli dispensati nel 2017 dalle farmacie del territorio: per l’83% si tratta di medicinali a base di disulfiram, i cui consumi crescono di oltre il 18% sull’anno precedente, seguono acamprosato (10%) e naltrexone (6,5%), che mostra un incremento su base annua dell’1,9% anche se la sua destinazione principale rimane il trattamento delle dipendenze da oppiacei.

I dati arrivano dalla Relazione al Parlamento sugli interventi realizzati nel 2018 in materia di alcol e problemi correlati che il ministero della Salute ha trasmesso alle Camere un paio di settimane fa: sono 68mila le persone che nel 2017 hanno fatto ricorso ai servizi alcologici, il 75% ha un’età compresa tra i 30 e i 59 anni, la bevanda alcolica più consumata è il vino (48%) e i decessi per cause attribuibili all’alcol sono stati più di 1.200 (dati 2015).

A livello regionale, i consumi di farmaci per il trattamento delle dipendenze da alcol mostrano un’evidente variabilità. La Regione con i valori più elevati è la Lombardia, con più di 455mila dosi dispensate dalle farmacie del territorio nel 2017 (23% del consumo nazionale, costituito principalmente da disulfiram); seguono il Lazio con 248 mila dosi (13%), il Veneto con circa 164 mila dosi e la Toscana con 150 mila dosi (circa l’8% per entrambe). In totale, dice la Relazione ministeriale, queste quattro regioni rappresentano più della metà del consumo nazionale.

Graduatoria totalmente rimescolata se invece si misurano i consumi in base alla popolazione residente, espressi come ddd per 1 milione di abitanti: in questo caso il primo posto va alla Provincia autonoma di Trento con circa 402 dosi, seguita dalla Sardegna con quasi 203 dosi, dall’Umbria con circa 155 dosi e dal Friuli Venezia Giulia con quasi 147 dosi. Il disulfiram risulta essere il farmaco a più alto consumo in quasi tutte le regioni, con l’eccezione di Lazio e Marche (dove il più prescritto in regime di convenzione è l’acamprosato). Nelle Marche si registra anche il più alto consumo di metadoxina (circa 1,8 ddd per 1 milione di abitanti) che con il nalmefene è il principio attivo meno utilizzato (rispettivamente in 5 e 3 regioni).

Dai consumi deriva una spesa farmaceutica a carico del Ssn che nel 2017 ha superato di poco il milione di euro a livello nazionale. L’acamprosato assorbe il 48% circa di tale cifra (più di 484mila euro), seguito dal disulfiram (27%) e dal naltrexone (25%). A livello regionale, è il Lazio a generare la quota maggiore di spesa (371 mila euro, il 37% del totale Italia), dovuto principalmente ad acamprosato e naltrexone; segue la Lombardia con circa 251mila euro (25% della spesa nazionale), anche in questo caso attribuibile per la maggior parte all’acamprosato; Lazio e Lombardia coprono insieme più della metà della spesa nazionale in regime di assistenza convenzionata. La spesa farmaceutica per alcol-dipendenze sostenuta dalle strutture del Ssn ha toccato invese i 4,8 milioni di euro (sempre nel 2017).

 
 

fonte:

F Press

 

In evidenza

 
29 luglio 2019

Ricetta elettronica veterinaria, Fofi e Fnovi richiamano farmacisti e medici veterinari

Fofi e Fnovi richiamano farmacisti e medici veterinari al rispetto della normativa in materia di prescrizione, dispensazione e tracciabilità dei medicinali veterinari.

Ricetta elettronica veterinaria, Fofi e Fnovi richiamano farmacisti e medici veterinari
 
29 luglio 2019

L’Oms boccia le sigarette elettroniche: “Non è vero che siano meno dannose rispetto ai prodotti convenzionali del tabacco”.

Questi prodotti "non sono privi di rischi e l'impatto a lungo termine sulla salute e sulla mortalità è ancora sconosciuto. Esistono prove indipendenti insufficienti per sostenere che l'uso di questi prodotti possa aiutare le persone a smettere di usare il tabacco convenzionale". Viene inoltre lanciato un allarme riguardo al "rischio che rappresentano per i non fumatori che iniziano a usarle, in particolare i giovani". L'Oms ha inoltre sollecitato un aumento dei servizi per chi intende smettere di fumare, osservando che ha la possibilità di accedervi "solo il 30% della popolazione mondiali".

L’Oms boccia le sigarette elettroniche: “Non è vero che siano meno dannose rispetto ai prodotti convenzionali del tabacco”.
 
29 luglio 2019

Italiani sempre più eco-sensibili, quali spazi per una farmacia “plastic free”

Il 53% degli italiani preferisce acquistare prodotti realizzati o imballati in plastica o carta riciclata. Il 48% riutilizza più volte gli articoli monouso, per ridurre l’emissione di plastica o rifiuti nell’ambiente. Il 41% afferma di avere smesso di acquistare beni con imballaggi in plastica non riciclata e il 24% dice di non tornare nei negozi che li impiegano in abbondanza.

Italiani sempre più eco-sensibili, quali spazi per una farmacia “plastic free”
 
29 luglio 2019

Da Pozzuoli a Londra, storia del neurochirurgo che ha preferito la Asl di Napoli al Queen's Hospital

Simona Buonamassa, originaria del Vomero, ha lavorato per 18 anni dei più prestigiosi ospedali della capitale britannica. Ora ha scelto di tornare in Campania

Da Pozzuoli a Londra, storia del neurochirurgo che ha preferito la Asl di Napoli al Queen's Hospital